Smart windows: finestre che producono energia

smart windows

Cosa sono le smart windows?

Le smart windows, ovvero le finestre intelligenti, sono finestre particolari studiate dagli scienziati del CNR di Lecce.

Come rivelano gli stessi, queste finestre hanno varie capacità, come ad esempio la conservazione della luce solare e la sua successiva conversione in energia elettrica, la possibilità di oscurarsi automaticamente nel momento in cui è presente troppa luce esterna e l’illuminazione degli ambienti interni in presenza di eccessivo buio.

Secondo gli studiosi di Lecce, queste smart windows andranno presto a sostituire gli impianti fotovoltaici tradizionali, o almeno ad affiancarsi ad essi.

Le finestre intelligenti sono costituite da un vetro di ultima generazione, semitrasparente, che possiede la capacità di trasmettere la luce in maniera diversa nel momento in cui gli viene applicata tensione elettrica, luce o calore. A seconda del contatto, la trasmissione avverrà quindi in modo differente.

Questa tecnologia, che deve la sua nascita all’Istituto di Nanotecnologie del CNR dell’Università del Salento, fa parte di quel ramo di studi denominato OLED, ovvero Organic LED.

Il funzionamento di una smart window si basa su un particolare principio. Nel momento in cui la temperatura del vetro aumenta, il suo colore e la sua composizione vanno a cambiare. A questo punto il vetro non è più trasparente, ma opaco, e va ad impedire che ci sia un passaggio di onde luminose dall’esterno.

Questo meccanismo permetterà, quindi, a tutte quelle strutture di grandi dimensioni costituite da ampie vetrate, di possedere una tecnologia autonoma dal collegamento elettrico, che sia in grado di fornire non solo luce, ma anche calore ed energia in maniera simultanea. Inoltre, ogni edificio migliorerebbe anche dal punto di vista estetico, poiché potrebbe dotarsi di finestre colorate, limitato l’utilizzo e l’installazione di pannelli.

Con le finestre intelligenti sarà possibile costruire dei veri e propri edifici sostenibili, che possano far diminuire i consumi energetici e allo stesso tempo che permettano di aumentare l’efficienza energetica.

Leave a Reply