Nuovi punti di vista sul problema delle risorse

nuovi-punti-di-vista-per-lo-sfruttamento-delle-risorse

Venus Project: la città del progresso sostenibile

Le nuove frontiere dello sviluppo sostenibile si allargano grazie ad un progetto ambizioso, quello di Roxanne Meadows, fondatrice del Venus Project. L’idea di fondo del Venus Project è che, per poter ottenere uno stile di vita ecologicamente sostenibile, bisogna innanzitutto modificare le basi su cui si fonda la società attuale, e crearne una che punti a massimizzare la qualità della vita anziché i profitti.

Secondo la Meadows, infatti, i problemi ambientali e quelli sociali sono strettamente connessi e, finché vivremo in un sistema plutocratico dove le risorse globali vengono gestite da pochi, l’impatto del progresso sull’ambiente sarà sempre negativo.

Il problema delle risorse

Il Venus Project, nato in Florida con questa idea in mente, sta cercando di trovare soluzioni alternative ai problemi della società attuale. La fondatrice del progetto, con un background in architettura e design, ha progettato una smart city, dal design futuristico dove ogni cosa è volta all’ottimizzazione della qualità della vita e delle risorse. Proprio il discorso delle risorse è un punto focale del progetto: secondo la Meadows, queste devono essere comuni, e non appannaggio di poche nazioni, per poter essere utilizzate nella maniera più corretta, senza i problemi di emarginazione e disparità monetaria e sociale del sistema attuale.

Lo sviluppo di nuove tecnologie sarà un’attività di rilievo all’interno del complesso, così come il reimpiego di tecnologie già esistenti, come l’intelligenza artificiale, per il progresso etico ed esclusivamente a scopo benefico.

Cambiare la società per aiutare l’ambiente

E l’ambiente? La domanda che la Meadows si pone è come mai, nonostante i nostri sforzi, non siamo ancora riusciti a rallentare il surriscaldamento globale ma, anzi, l’inquinamento sembra aumentare sempre di più. La risposta starebbe nell’attuale modello sociale. Il nostro progresso tecnologico ha raggiunto il culmine e, per poter continuare, bisogna cambiare gli schemi mentali che ci sono stati imposti e rivedere le basi della società in modo da concepire il progresso in maniera differente.

Il Project Venus è aperto alla possibilità di finanziamenti d parte del governo ma, al momento, nessun ente governativo si è ancora offerto di finanziare la città del futuro. Troppo ambizioso? Diteci cosa ne pensate!

Questo blog è stato realizzato da Alma Technology, la tua web agency per la realizzazione di siti web a Roma.

Leave a Reply