L’Italia ha raggiunto l’obiettivo per le rinnovabili previsto per il 2020

Oltre il 17% dell’energia prodotta in Italia deriva da fonti rinnovabili

Notizie positive sul fronte delle energie alternative, e questa volta ad essere protagonista è proprio il nostro paese. Stando ai più recenti dati Eurostat, attualmente il 17.5% dell’energia prodotta in Italia deriva da fonti rinnovabili, il che vuol dire che l’obiettivo predisposto per il 2020 è già stato raggiunto dal nostro paese con anni di anticipo. Un progresso notevole dato che nel 2004, poco più di dieci anni fa, questa percentuale si era assestata su un modesto 6.3%, quasi un terzo della produzione attuale.

Le energie rinnovabili negli altri paesi europei

Tra gli altri stati membri dell’Unione Europea, soltanto dieci hanno già raggiunto l’obiettivo per le rinnovabili che si erano prefissati; si tratta per lo più di Paesi appartenenti all’area scandinava o all’est europeo: Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Lituania, Ungheria, Romania, Finlandia e Svezia. Tutt’altra storia in Francia, regno Unito, Lussemburgo e Paesi Bassi, che si trovano ancora in fondo alla classifica nonostante i loro obiettivi fossero relativamente meno ambiziosi rispetto a quelli prefissati per l’Italia.

Gli obiettivi, infatti, erano stati assegnati in base alle potenzialità di ogni singolo paese, tenendo conto di fattori come popolazione e disponibilità di risorse. Quest’ultimo in particolare, rende l’Italia una candidata ideale per gli investimenti sulle rinnovabili, data la ricchezza di fonti disponibili potenzialmente in ogni comune. Il solare, comunque, rimane la risorsa primaria, sebbene realtà come le associazioni mafiose ne rendano potenzialmente difficoltoso lo sfruttamento.

 

Leave a Reply